Carabinieri di Todi segnalano due fratelli che compravano cocaina

 
Chiama o scrivi in redazione


Deruta, una nomade arrestata e una denunciata dai Carabinieri
carabinieri

TODI – I Carabinieri della Compagnia di Todi, nell’ambito di una mirata attività info – operativa predisposta dal Comando Provinciale di Perugia, continuano ad effettuare una serie di servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto dello spaccio ed all’uso di sostanze stupefacenti. In tale ambito, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Todi, attuando un controllo capillare delle principali arterie stradali della Media Valle del Tevere, hanno fermato un quarantaduenne, trovandolo in possesso di una dose di cocaina. Poco dopo, in una distinta operazione, gli stessi Militari hanno controllato un’autovettura, alla cui guida vi era il fratello maggiore (40 anni) del primo fermato, trovando anch’egli  in possesso di una dose di cocaina.

A questo punto, di fronte a tale casualità, i Carabinieri hanno approfondito gli accertamenti, appurando che entrambi i fratelli, l’uno all’insaputa dell’altro, avevano acquistato due singoli dosi di cocaina da uno spacciatore albanese, presente sulla piazza di Perugia.

Si è proceduto, quindi, alla perquisizione personale e domiciliare dell’albanese ventiquattrenne, trovandolo in possesso di una ulteriore dose di cocaina e della somma in contanti di oltre 4.000 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. A conclusione dell’attività di polizia giudiziaria, oltre al sequestro della droga e del denaro, lo straniero è stato denunciato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, mentre i due fratelli italiani sono stati segnalati alla Prefettura di Perugia quali assuntori di droghe ed uno dei due – il minore  – è stato deferito anche per guida sotto l’effetto di stupefacenti.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*