Arrestato spacciatore a Todi, spacciava con la figlia di tre anni

causa incidente

I Carabinieri della Compagnia di Todi mantengono alta la guardia contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Infatti, dopo la vasta operazione dello scorso lunedì, i Militari del Nucleo Operativo e Radiomobile (NORM) hanno assicurato alla giustizia un altro spacciatore.

Si tratta di un albanese di trent’anni T.G., residente a Perugia. Costui, da tempo, veniva tenuto sott’osservazione dai Carabinieri del NORM di Todi poiché a lui si rivolgevano diversi assuntori.

Durante il periodo di monitoraggio, i Militari notavano T.G. aggirarsi con atteggiamento sospetto nella zona di Ponte San Giovanni di Perugia, a bordo un’autovettura di grossa cilindrata e con la figlia di tre anni. In tale circostanza, veniva documentato un incontro tra il predetto ed un uomo (accertato poi essere un imprenditore), durante il quale il primo cedeva all’altro una dose di cocaina al prezzo di 90 euro.

I due venivano, quindi, fermati e perquisiti: l’albanese veniva trovato in possesso di altre dosi di cocaina destinate allo spaccio. A questo punto scattava l’arresto per T.G. mentre l’acquirente veniva segnalato alla Prefettura quale assuntore.

L’arrestato, dopo aver trascorso due giorni nella camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Todi, veniva condotto dinanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Perugia che convalidava l’operato dei militari, disponendo la scarcerazione e la contestuale applicazione della misura cautelare dell’obbligo della presentazione ai Carabinieri tutti i giorni fino alla prossima udienza, fissata per il prossimo 5 novembre.

La bambina di tre anni veniva affidata alla madre.
Nel corso della perquisizione presso il domicilio di T.G. veniva trovato materiale di diversa natura (computer, telefoni, tablet, arnesi da giardinaggio e per l’edilizia) su cui sono in corso accertamenti per risalire alla provenienza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*