Zambelli Orvieto a segno nel derby contro Trevi

 
Chiama o scrivi in redazione


ORVIETO (TR) – Si chiude con una vittoria la prima parte di stagione per la Zambelli Orvieto in un girone di serie B1 femminile dove sono tante le formazioni che non regalano nulla.

Una di queste è la Lucky Wind Trevi che si presenta nella tredicesima giornata al palazzetto Alessio Papini senza timori reverenziali ed aggredisce sin dal primo minuto, costringendo le padrone di casa a sudare le proverbiali sette camicie.
La partita è stata caratterizzata da un turn-over delle rupestri attese da una settima impegnativa, e anche per provare in campo soluzioni diverse, così la formazione iniziale è stata con Mazzini in regia e Biccheri opposta, Kotlar e Bigini al centro, Fastellini e Rossini posto-quattro, Andreani libero.

Le ospiti si sono dimostrate avversarie agguerrite e pronte a giocarsela a viso aperto, complice anche qualche errore di troppo delle orvietane, forse già con la testa ad i prossimi impegni. Comunque il set d’apertura, equilibrato nel punteggio, si è risolto ai vantaggi a favore delle locali.

Nella seconda frazione le trevane sono partite ancora bene, accumulando anche un vantaggio di quattro lunghezze nella fase centrale, ed è stato grazie all’ingresso di capitan Ubertini (solita trascinatrice) e di Tiberi, unito ad una energico richiamo da parte del tecnico Gobbini, che la squadra è riuscita a recuperare il ritardo e chiudere ai vantaggi, sfruttando qualche ingenuità avversaria nei momenti topici.

Nel terzo periodo finalmente Orvieto ha giocato in scioltezza, dimostrandosi famelica e lasciando sul piatto solo poche briciole. Nel corso del duello c’è stato modo di far esordire la neo acquisto alzatrice Rosso e dare spazio anche al secondo libero Righi, entrambe autrici di una prova convincente.

Ora le ragazze del presidente Flavio Zambelli si concentrano per i prossimi due impegni casalinghi, mercoledì il recupero di campionato e sabato i quarti di coppa Italia, consci che nessuno può essere sottovalutato e che non ci si può permettere alcun calo di concentrazione.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*