Strada Villanova nel degrado, interrogativi su finanziamento

Il Comitato Pievaiola e la Civica Piegaro sollecitano chiarimenti

Strada di Villanova in pessime condizioni interrogativi su finanziamento

Strada Villanova nel degrado, interrogativi su finanziamento

Strada Villanova nel degrado – La situazione precaria della strada di Villanova ha attirato l’attenzione del Comitato Pievaiola e della Civica Piegaro, che hanno recentemente scritto ad ANAS e all’Assessore Regionale ai Trasporti Melasecche per ottenere informazioni sul destino del finanziamento destinato alla riqualificazione della strada. Augusto Peltristo, Capogruppo della Civica Piegaro e Portavoce del Comitato Pievaiola, ha espresso la preoccupazione della comunità locale, evidenziando l’urgenza di una risposta tempestiva e di interventi concreti.

La sollecitazione da parte del Comitato ha portato una risposta immediata dai Comuni di Marsciano e Perugia, con quest’ultimo che ha già avviato i lavori per la messa in sicurezza della strada. Tuttavia, Marsciano sembra essere indietro nella procedura, sollevando ulteriori interrogativi sulla gestione complessiva del progetto di riqualificazione.

La missiva inviata ad ANAS e all’Assessore Regionale Melasecche ha sottolineato l’importanza di ottenere chiarezza riguardo allo stato attuale del finanziamento di oltre 700 mila euro destinato alla riqualificazione della strada di Villanova. Il Comitato e la Civica Piegaro hanno espresso la necessità di essere informati sulle tempistiche e sulle modalità di intervento previste, poiché la sicurezza stradale non può più essere trascurata.

Augusto Peltristo ha ribadito che il tratto di strada rappresenta una minaccia costante per la sicurezza delle persone e ha insistito sull’importanza di un intervento immediato da parte delle autorità competenti. L’appello urgente del Comitato Pievaiola e della Civica Piegaro richiama l’attenzione sulle criticità della situazione e sottolinea l’importanza di garantire la sicurezza stradale senza ulteriori ritardi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*