Spara alla sorella, dietro la tragedia potrebbe esserci la droga

 
Chiama o scrivi in redazione


Spara alla sorella, dietro la tragedia potrebbe esserci la droga

Potrebbe esserci la droga dietro la tragedia familiare di San Valentino della Collina a Marsciano. Prima una lite in famiglia, poi il fratello spara alla sorella e al suo compagno. Ma prima ancora una coltellata. La scoperta di una dipendenza, legata al mondo della droga, è una delle ipotesi su cui stanno lavorando i carabinieri.

A indagare i militari della compagnia di Todi agli ordini del maggiore Luigi Salvati Tanagro e i carabinieri della sezione investigazioni scientifiche del Reparto operativo del Comando provinciale. La tragedia è accaduta intorno alle 21 di giovedì scorso. Il fratello ha sparato tre colpi di fucile dal balcone della sua abitazione alla sorella e al suo compagno. Quest’ultimo, in particolare, sarebbe indagato per una coltellata data alla compagna del fratello, ma l’uomo ha respinto ogni accusa.

La sorella è in condizioni gravissime, in coma farmacologico all’ospedale Santa Maria della Misericordia. Ha riportato ferite procurate dai pallini in tutto il corpo, principalmente al volto e al torace. Il compagno ferite ad un ginocchio ed è stato ricoverato in ortopedia.

Il fratello si trova al carcere di Spoleto con le accuse di tentato omicidio aggravato e lesioni personali. Si è avvalso delle facoltà di non rispondere. A coordinare le indagini il sostituto Patrizia Mattei della Procura della Repubblica.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*