“Sguardi (in)differenti”, al Cinema Jacopone il film “Ti do i miei occhi”

 
Chiama o scrivi in redazione


Mercoledì 1 aprile terzo appuntamento della rassegna cinematografica “Sguardi (in)differenti”: alle ore 16.00 al Cinema Jacopone di Todi sarà proiettato il film “Ti do i miei occhi”, della regista spagnola Icíar Bollaín, vincitore di sette premi Goya, gli Oscar spagnoli. La pellicola, premiata al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastian del 2003, è un racconto intenso sul tema della violenza domestica sulle donne.

La rassegna, rivolta principalmente agli studenti degli istituti superiori ma aperta a tutta la cittadinanza, prevede la proiezione di sei film, ad ingresso gratuito, per parlare di donne, di diversità, di violenza, di parità di genere. Ogni incontro è brevemente introdotto da esperti, docenti ed appassionati che, a seguire, proporranno scambi di idee sul film.

L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Umbria, è organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Todi, dal prof. Manfredi Retti e Chantal Lenoble del Cinema Jacopone e da Camilla Todini, esperta e appassionata di cinema.

Il film – “Ti do i miei occhi” (Spagna, 2003)
Pilar, dopo l’ennesima violenza subita dal marito Antonio, decide di trasferirsi momentaneamente presso sua sorella Ana, portando con sé suo figlio Juan. Antonio però non si da pace e cerca in tutti i modi di farsi perdonare dalla moglie, frequentando dei corsi per la gestione dell’ira assieme ad altri uomini con il suo stesso problema. Dopo aver notato un apparente cambiamento nel marito, Pilar decide di tornare a vivere con lui. Tuttavia lei si troverà ad affrontare altre violenze da parte del coniuge, che arriverà a chiuderla nuda fuori dal balcone. Dopo questa umiliazione, Pilar deciderà definitivamente di denunciare e quindi lasciare il marito, facendo capire che ormai di lui non le importa più niente.

“Sguardi (in)differenti” – I prossimi film in programma

Mercoledì 15 aprile, ore 16:00, Cinema Jacopone
“Il corpo delle donne”
documentario di Lorella Zanardo, Marco Malfi Chindemi e Cesare Cantù (2009)
Una riflessione sull’immagine della donna nell’Italia contemporanea, attraverso i volti e i corpi femminili che vediamo ogni giorno nel nostro televisore.

Mercoledì 29 aprile, ore 16:00, Cinema Jacopone
“Osama”
di Siddiq Barmak (2003)
Essere una dodicenne a Kabul vuol dire vivere nella condizione disumana imposta alle donne da un regime totalitario e fanatico.

Mercoledì 6 maggio, ore 16:00, Cinema Jacopone
“La Kryptonite nella borsa”
di Ivan Cotroneo (2011)
Divertente commedia che affronta, con leggerezza ma senza superficialità, il tema della diversità.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*