Mobilita sostenibile, il Comune di Todi si dota di due veicoli elettrici

 
Chiama o scrivi in redazione


Mobilita sostenibile, il Comune di Todi si dota di due veicoli elettrici

Mobilita sostenibile, il Comune di Todi si dota di due veicoli elettrici

Il Comune di Todi, nell’ambito di un più vasto programma di investimenti per la mobilità elettrica ed eco-sostenibile, si è dotato di due veicoli elettrici che sono entrati a far parte del parco auto a disposizione dell’Amministrazione. Le vetture, due Renault ZOE, hanno preso il posto di due veicoli ormai obsoleti, che sono stati avviati alla rottamazione. I mezzi, che verranno utilizzati nelle quotidiane attività degli uffici, costituiscono un primo concreto e importantissimo segnale della sensibilità e attenzione del Comune di Todi per le tematiche ambientali e contribuiranno a conferire a Todi l’immagine di una città sempre più sostenibile e moderna.

“Sono orgoglioso di poter guidare un’amministrazione ed una città che sta così fortemente investendo in un futuro verde ed attento alla natura che ci circonda”, ha commentato il Sindaco Antonino Ruggiano. “Abbiamo sempre parlato dei nostri sogni di avere un centro storico ed una intera città carbon free: la scelta degli autoveicoli elettrici conferma la nostra vocazione di sostenibilità ambientale, ma non è un traguardo, bensì una delle tante tappe che sta trasformando la città.

A brevissimo ulteriori importantissime novità saranno annunciate e messe in campo”. Le vetture saranno custodite presso l’officina comunale di Campo Boario dove sono stati allestiti due wall-box (punti di ricarica) dedicati. Il Comune di Todi si distingue pertanto tra i primi in Umbria con un investimento estremamente significativo e dall’alto contenuto simbolico. In un momento in cui le tematiche dell’attenzione all’ambiente e ai cambiamenti climatici sono al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e della politica mondiale, il Comune di Todi, scegliendo la mobilità elettrica, intende dare un segnale chiaro ed un contributo concreto.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*