Marsciano, salgono a 26 i casi di coronavirus sul territorio comunale

 
Chiama o scrivi in redazione


Marsciano, salgono a 26 i casi di coronavirus sul territorio comunale

Nella mattina di giovedì 15 ottobre, salgono a 26 (più 2 segnalati su Marsciano ma che vivono altrove) i casi di positività al Covid-19 sul territorio comunale. Si tratta dei dati ufficiali forniti dalla Usl Umbria 1, nell’ambito di un quadro che è, purtroppo, in rapida evoluzione, visto anche il numero delle persone che è in attesa di conoscere l’esito dei tamponi effettuati.

“Se da un lato – commenta il sindaco Francesca Mele – la maggior parte delle persone positive è asintomatica o con sintomatologia lieve, è altrettanto vero che la velocità con cui il contagio si sta allargando rappresenta un dato di forte preoccupazione, visto il trend in aumento di ricoveri e di ricorsi alla terapia intensiva che potrebbe portare, se mantenuto a questi livelli, alla saturazione del nostro sistema ospedaliero regionale.

Uno scenario che dobbiamo assolutamente evitare, attraverso il massimo scrupolo che ciascuno di noi deve avere, innanzitutto, nel rispettare le tre semplici regole che tutti conosciamo: mascherine, distanziamento fisico, igiene delle mani”. Siamo all’inizio di una nuova e difficile fase dell’emergenza sanitaria a fronte della quale il Governo ha introdotto nuove misure restrittive, che tornano a limitare alcune libertà e comportamenti dei cittadini. “Gestire questo momento, comportandoci in modo da scongiurare ulteriori e ben più gravi restrizioni – afferma Francesca Mele – è la vera sfida che abbiamo davanti nelle prossime settimane.

Dobbiamo esserne all’altezza, per tutelare la nostra salute e il nostro sistema economico, per mettere al riparo la parte più fragile delle nostre comunità, non solo i malati e gli anziani, ma anche i giovani, ai quali abbiamo il dovere di garantire la tenuta del sistema scolastico, un bene primario da salvaguardare a tutti i costi. Tutti dobbiamo essere consapevoli che un nuovo lockdown generalizzato segnerebbe un momento di gravissima difficoltà per tutto il Paese. Dobbiamo impedirlo”.

Il sindaco si rivolge, con un appello a comportamenti di massima responsabilità, anche alle persone che sono in attesa di conoscere gli esiti dei tamponi o di ricevere, a seguito della positività riscontrata, le ordinanze di quarantena contumaciale che il Comune deve predisporre su indicazione della Usl. A tutti loro è richiesto di isolarsi, anche all’interno dei propri nuclei familiari, mettendosi in quarantena volontaria in attesa che arrivino i provvedimenti delle autorità competenti. Il Comune di Marsciano sta costantemente monitorando la situazione e collaborando con le istituzioni sanitarie per garantire tutte le operazioni necessarie a tracciare i contagi e bloccare possibili focolai.

“Insieme al Centro operativo comunale di Protezione civile – conclude il sindaco – ci stiamo attivando per potenziare tutte le operazioni di assistenza alla popolazione, in particolare ai soggetti positivi e a coloro che si trovano in quarantena, e di controllo del territorio. Attiveremo ad esempio presidi presso le scuole al momento dell’ingresso degli studenti per monitorare il rispetto del divieto di assembramenti e nei fine settimana porteremo volontari nei centri abitati con compiti di informazione e sensibilizzazione della popolazione al rispetto delle regole”.



 


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*