Marsciano, acconto Imu, esenzioni e proroghe al 30 settembre per le attività produttive

 
Chiama o scrivi in redazione


Marsciano, acconto Imu, esenzioni e proroghe al 30 settembre per le attività produttive

Marsciano, acconto Imu, esenzioni e proroghe al 30 settembre per le attività produttive

Con una delibera di Giunta il Comune ha prorogato, al 30 settembre 2020, il pagamento dell’acconto Imu (Imposta municipale unica) per tutte le attività produttive, economiche e professionali che si trovano in difficoltà finanziaria a causa delle conseguenze dell’emergenza sanitaria da covid-19. C’è invece l’esenzione totale dell’acconto per le attività del settore turistico, previsto dal Decreto Legge del 19 maggio 2020.

I soggetti che vogliono avvalersi della proroga devono presentare, sempre entro il 30 settembre 2020, una dichiarazione mediante autocertificazione, in cui si attesta lo stato di difficoltà finanziaria.

Per quanto riguarda i fabbricati di categoria D la possibilità di proroga è concessa solo per la parte di imposta di competenza comunale, non potendo l’amministrazione intervenire sulla parte di competenza statale. Per informazioni è possibile contattare l’area Entrate del Comune ai seguenti recapiti 0758747291/292.

“Le misure di contenimento della pandemia – spiega il sindaco Francesca Mele – hanno determinato degli effetti molto pesanti sulle attività economiche e sul reddito dei lavoratori. Difficoltà che la fase di ripartenza attuale dopo il lockdown può solo parzialmente attenuare. L’esenzione dall’acconto Imu per il settore turistico e la dilazione del pagamento per tante aziende e partite iva in difficoltà vuole dare un po’ di respiro alle attività economiche. Il Comune, a meno che non intervengano ulteriori impegni da parte dello Stato a copertura dei mancati incassi dalla tassazione locale, non è purtroppo in condizione di eliminare questa imposta che rappresenta una parte importante delle entrate necessarie al mantenimento dei servizi. Le misure attivate speriamo possano, tuttavia, rappresentare un piccolo aiuto nel momento più delicato di questa crisi di liquidità che interessa la maggior parte delle realtà produttive”.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*