Lega Todi per tutti: atto per eliminare barriere architettoniche

 
Chiama o scrivi in redazione


Lega Todi per tutti: atto per eliminare barriere architettoniche
Francesca Peppucci

Lega Todi per tutti: atto per eliminare barriere architettoniche

Il gruppo Lega al consiglio comunale di Todi insieme alla maggioranza, presenterà una mozione riguardante il censimento e la mappatura delle barriere architettoniche e l’adozione del Piano di Eliminazione delle stesse nel Comune.

“L’atto impegnerà la giunta, che si è sempre distinta per il suo interesse verso il sociale, ad avviare il censimento e la mappatura delle barriere architettoniche presenti nel comune e a mettere in atto tutte le azioni necessarie per giungere all’adozione del P.E.B.A (Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche) come previsto dalla legge nazionale del 1986.” Così la nota del  capogruppo della Lega al Comune di Todi, Francesca Peppucci.

“Purtroppo la norma, da parte degli enti locali, negli anni –  afferma il capogruppo della Lega-  ha trovato soltanto una parziale e non omogenea applicazione, ed anche il nostro comune è sprovvisto  di un Piano per l’Eliminazione di queste barriere. Todi è la città più vivibile al mondo e  lo deve essere per tutti, senza distinzioni. Quello delle barriere architettoniche  è un problema annoso che non può essere sottovalutato”.

“Vogliamo una Todi sempre più accessibile – aggiunge Francesca Peppucci, prima firmataria della mozione – con circuiti che permettano alle persone di spostarsi  veramente in libertà, eliminando man mano tutti gli ostacoli.

Todi è già un comune family friendly e l’obiettivo di questa mozione, a cui tengo molto e che, con piacere è stata sottoscritta e condivisa da tutta la maggioranza,  è quello di non lasciare indietro nessuno e di ridare dignità a tutti”.
“Immagino ed auspico-  conclude il consigliere-  una città con spazi urbani  e pubblici accessibili.
La strada intrapresa è quella giusta, la Todi del futuro, è molto più vicina di quello che i detrattori di questa amministrazione credono”.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*