Indagine in corso sulla tragica morte di una donna anziana a Todi

Indagine in corso sulla tragica morte di una donna anziana a Todi

Indagine – Nelle prossime ore, il medico legale Sergio Scalise Pantuso eseguirà l’autopsia sul corpo di Silvana Baglioni, una donna di 91 anni che è morta in un incendio nella sua villa a Case Basse di Loreto, una frazione di Todi. La donna viveva con suo figlio e sua nuora. L’incidente è avvenuto nella notte tra sabato e domenica. Lo scrive oggi Francesca Marruci sul Corriere dell’Umbria.

Il procuratore facente funzioni di Spoleto, Vincenzo Ferrigno, ha aperto un fascicolo di indagine per omicidio colposo contro ignoti per permettere l’esecuzione di tutti i necessari accertamenti. Al momento, l’ipotesi più accreditata è che l’anziana donna sia stata avvolta dalle fiamme scatenate da una sigaretta lasciata inavvertitamente accesa. Infatti, la donna era una fumatrice e aveva vicino al letto una sorta di posacenere.

Inizialmente, è stata anche valutata l’ipotesi di un cortocircuito o malfunzionamento dell’impianto del materassino antidecubito sul quale riposava la donna. Questi materassi, infatti, sono collegati a una presa elettrica che alimenta una mini pompa d’aria interna a corrente alternata che li mantiene sempre gonfi alla stessa pressione. Tuttavia, questa ipotesi al momento sembra aver perso terreno.

Durante la notte, la nuora ha sentito un forte odore di bruciato e ha cercato di entrare nella stanza in questione, ma non è riuscita a farlo a causa del fumo intenso che ne fuoriusciva. Insieme al figlio della vittima, ha poi chiamato i soccorsi.

La versione dei due è stata già raccolta dagli uomini dell’Arma. È emerso che i tre, di origine toscana, erano arrivati da poco a vivere in Umbria proprio per stare vicino all’anziana malata, impossibilitata a muoversi.

Ad ogni modo, le risposte definitive a quello che al momento sembra una tragica fatalità arriveranno all’esito dell’autopsia e degli accertamenti che i carabinieri di Todi, diretti dal comandante Giovanni De Liso, stanno effettuando insieme ai vigili del fuoco. Questa tragica storia sottolinea l’importanza della sicurezza domestica e la necessità di prestare attenzione alle potenziali fonti di pericolo in casa, specialmente quando si tratta di persone anziane e vulnerabili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*