Il Ponte in Ferro di Todi: Storia, Restauro e Nuova Funzione

Dopo 70 anni, il ponte rinasce come passaggio ciclo-pedonale

Il Ponte in Ferro di Todi: Storia, Restauro e Nuova Funzione

Il Ponte in Ferro di Todi: Storia, Restauro e Nuova Funzione

Sottotitolo: Dopo 70 anni, il ponte rinasce come passaggio ciclo-pedonale, testimoniando la storia e l’impegno della comunità.

Keywords: Ponte in Ferro, Todi, Restauro, Ciclo-pedonale, Comunità.


Il Ponte in Ferro di Todi – Il ponte in ferro sul Tevere, che unisce Ponterio e Pian di San Martino nel territorio del Comune di Todi, rappresenta una pagina storica che si riscrive dopo 70 anni. Inaugurato nel 1953, il ponte ha origini legate alla guerra, utilizzando la struttura del Bailey, brevetto americano impiegato dagli Alleati per attraversare l’Italia. La sua particolarità, simile a quello di Brooklyn, lo rende unico in Italia.

L’intervento di restauro, finanziato interamente dalla Regione Umbria con un investimento di 1 milione e 235 mila euro, ha coinvolto oltre dieci professionisti, tra ingegneri, architetti e geometri, con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università di Perugia. L’impresa Camardo e una decina di aziende fornitrici e subappaltatrici hanno lavorato con professionalità e organizzazione, completando il progetto in anticipo.

Sabato 16 dicembre, dopo 40 anni di chiusura, il ponte ha riaperto, festeggiando con la comunità cittadina. Trasformato in passaggio ciclo-pedonale, collega la sinistra idrografica del Tevere a quella destra, contribuendo al nuovo contesto urbano. A Ponterio, un parco e un polo scolastico completano il quadro, rendendo il ponte non solo un punto di connessione ma anche un simbolo di rinascita.

La sua funzione come passaggio ciclo-pedonale ne fa un punto privilegiato nel territorio di Todi, ricco di itinerari turistici e paesaggistici. Inserito nell’itinerario ciclo-pedonale della “Due Mari”, che collega il Tirreno all’Adriatico attraverso tre regioni, il ponte rappresenta un futuro all’altezza della sua storia e un contributo alla vitalità della comunità todiense.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*