Esplosione nella notte, salta bancomat alla Ubi Banca di Pantalla

 
Chiama o scrivi in redazione


Esplosione nella notte, salta bancomat alla Ubi Banca di Pantalla

Esplosione nella notte, salta bancomat alla Ubi Banca di Pantalla

Video di Massimo Pompei


Un assalto nella notte all’Ubi Banca di Pantalla di Todi, ma il colpo non riesce per l’arrivo della vigilanza notturna, della Polizia e dei Carabinieri. Erano le 3 circa, così riferisce un agente della Mondialpol, quando alla banca si è avvicinata un’auto Bmw di colore scuro. Da quanto si sa – ma le video registrazioni sono all’esame delle Forze dell’ordine – i malviventi erano in tre e sono entrati subito in azione. Hanno spaccato la vetrata di ingresso dell’area bancomat, piazzato l’esplosivo, probabilmente un idrocarburo, l’acetilene e di lì a poco l’esplosione.

 

Al boato, terribile dicono gli abitanti della zona, ha fatto seguito la devastazione, bancomat che è esploso all’interno, almeno così sembra dalle immagini, spaccati tutti i vetri che erano rimasti ancora interi e tutti i soldi sparsi all’interno.

Esaminando le foto del collega Massimo Pompei, pare che il gruppo di ladri abbia tentato la sortita della porta di ingresso per poter entrare e andare a recuperare i soldi. Ma non ci sarebbero riusciti!



Si vede il vetro infrangibile che ha ceduto sotto i colpi della mazza, ma non si è rotto e nel frattempo era scattato l’allarme. In un attimo, sul posto, è arrivata la Vigilanza Umbra Mondialpol e subito dopo polizia e carabinieri. Ma dei malviventi non è restato altro che le immagini delle telecamere di sorveglianza.

Nel piazzare l’esplosivo, per quanto i ladri siano oramai esperti, può accadere che la camera di esplosione che si viene a creare con l’accensione, nel botto spinga i soldi all’interno, piuttosto che fuori e faccia sì che lo scrigno resti inaccessibile, invece che essere scagliato all’esterno. Insomma, non sempre le ciambelle riescono con il buco

Con quello alla Ubi banca di Pantalla sono tre i colpi, o tentati, effettuati negli ultimi giorni.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*