Che fine ha fatto…il Sindaco di Todi, Antonino Ruggiano?

 
Chiama o scrivi in redazione


Che fine ha fatto…il Sindaco di Todi, Antonino Ruggiano?

Che fine ha fatto…il Sindaco di Todi, Antonino Ruggiano?

dal Partito Democratico di Todi
Che fine ha fatto…il Sindaco di Todi Ruggiano? E’ questa la domanda che molti Tuderti si pongono, ogni giorno, dall’inizio della cosiddetta “seconda ondata di pandemia”. Ogni tanto lo vediamo aggirarsi per le vie del Centro Storico, spesso con forbici e nastro in mano, pronto a inaugurare “qualcosa” frutto del lavoro della passata amministrazione di centrosinistra!

A parte qualche apparizione, però, si sente solo il vuoto e il silenzio. Anche i tempi delle seguitissime dirette Facebook, dell’hashtag #todipaura non ha e delle ramanzine alle persone senza mascherina in Piazza appartengono ormai al passato.

Perché, ci domandiamo? Perché, mentre i Sindaci dei Comuni della Regione si rincorrono per dare informazioni, per richiamare i propri concittadini al senso civico e al rispetto delle regole, il Sindaco Ruggiano si nasconde all’interno dei Palazzi Comunali?

Perché mentre i Sindaci dei Comuni della Regione, a partire dal Sindaco (Leghista!) di Foligno, ci mettono la faccia difendendo il regolare svolgimento delle attività di base dei propri presidi ospedalieri, il Sindaco Ruggiano resta in silenzio? Sindaco, le rivolgiamo un appello.

La città ha bisogno che lei svolga il suo ruolo. La città ha bisogno di informazioni, di rassicurazioni, e, perché no, di ramanzine. Non si nasconda. Scenda in Piazza con i suoi concittadini a difendere l’Ospedale Territoriale della Media Valle del Tevere.

Ci racconti come la pandemia sta colpendo la nostra città. Ci dica come e se ha intenzione di accedere ai finanziamenti previsti dal Governo e dall’Unione Europea per combattere questa crisi. Ci dica Sindaco. Non è il Partito Democratico a chiederglielo, è la sua città. La stessa che l’ha eletta per rappresentarla in ogni sede istituzionale, per difenderla…e non per essere rinchiusa in un recinto di paletti!


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*