A Todi una stagione teatrale da applauso

A Todi una stagione teatrale da applauso

Una media di oltre 300 persone a spettacolo contro i 218 della stagione dell’anno precedente. E’ uno dei dati del positivo consuntivo del cartellone di prosa del Teatro Comunale di Todi, che si è chiuso mercoledì sera, al termine di un “viaggio” in dieci date, una in più del 2021/22. Gli abbonati hanno toccato quota 255, di cui 135 sottoscritti dagli studenti delle scuole superiori e medie della città, numero pressoché in linea con il passato più recente.

A far crescere le presenze è stato dunque lo sbigliettamento spettacolo per spettacolo, che ha registrato in media un aumento del 40%. Tra le proposte in cartellone, “Il cacciatore” e “Chi ha paura di Virginia Woolf” sono quelle che hanno avuto il miglior successo, registrando praticamente il tutto esaurito, ovvero le 500 presenze che sono il limite di capienza della struttura teatrale tuderte.

Soddisfazione per i risultati raggiunti sia da parte del Teatro Stabile dell’Umbria, cui si deve l’allestimento della stagione, che dell’Amministrazione comunale di Todi, la quale ha collaborato nelle scelte e nell’organizzazione e promozione.

“Temevamo che la disabitudine dettata dal periodo pandemico potesse influenzare negativamente la partecipazione degli appassionati – sottolinea l’assessore alla cultura Alessia Marta – mentre invece abbiamo registrato una risposta più che incoraggiante, in grado di vivificare la vita sociale e culturale cittadina”.

“La scelta di aumentare il numero delle date e di puntare su rappresentazioni di qualità ha premiato – è il commento del Sindaco Antonino Ruggiano – indicando una strada alla quale, sempre in sinergia con il TSU, intendiamo dare continuità in futuro, in coerenza con l’identità di una città che fa della cultura una delle sue cifre distintive tutto l’anno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*