Todi, riaperto il tratto tra Porta Romana e la Consolazione

Ultimata la prima parte degli interventi sulla Circonvallazione Est

 
Chiama o scrivi in redazione


Todi, riaperto il tratto tra Porta Romana e la Consolazione

Todi, riaperto il tratto tra Porta Romana e la Consolazione. Con il completamento della prima parte dei lavori di riqualificazione in corso lungo il viale della Circonvallazione Est di Todi, è stata riaperta al traffico la viabilità nel tratto di strada regionale 79 bis Orvietana tra Porta Romana ed il Tempio della Consolazione, ai cui lati si trovano tre importanti plessi scolastici: la scuola media Cocchi, la scuola elementare di Porta Fratta e l’Istituto Einaudi.

300.000 euro l’investimento complessivo per l’intervento, 195.000 dei quali assegnati dalla Regione Umbria attraverso la L.R. 46/97 ed i restanti 105.000 cofinanziati dal Comune di Todi.

I lavori, iniziati nei primi giorni di luglio, sono finalizzati al miglioramento della viabilità urbana e degli spazi pubblici, con una particolare attenzione alle intersezioni stradali in prossimità delle scuole Cocchi e di Porta Fratta. Gli interventi hanno interessato, in particolare, le aree di pertinenza dei plessi scolastici, comprendenti gli spazi per la salita e la discesa dai pullman degli studenti, le aree di sosta e di parcheggio usate dai genitori che accompagnano i figli a scuola ed i percorsi pedonali di collegamento tra i plessi scolastici.

Dopo questa prima fase, sono inoltre previste opere per la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali esistenti, adeguamenti all’illuminazione pubblica, interventi di bonifica e rifacimento di alcuni tratti del manto stradale deteriorato, una nuova segnaletica orizzontale e l’integrazione di quella verticale.

“Con la conclusione della prima parte dei lavori – commenta il Sindaco Carlo Rossini – in poche settimane abbiamo riaperto la viabilità nella principale via d’accesso alla città. Un ringraziamento per il lavoro fin qui svolto all’impresa, ai tecnici comunali ed alla Polizia Municipale per la gestione del cantiere, che non sarebbe stato attuabile né diversamente né in un periodo di scuole aperte. Come accaduto lo scorso anno per i lavori effettuati alla scuola Cocchi, abbiamo approfittato della chiusura degli istituti scolastici e del minor carico di traffico per accelerare quanto più possibile l’intervento. Ringraziamo anche gli operatori commerciali ed i cittadini per aver sopportato qualche piccolo disagio, ma che ripaga del lavoro svolto a vantaggio di tutta la città”.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*