Spara alla sorella Marsciano, prima una lite e una coltellata

 
Chiama o scrivi in redazione


Spara alla sorella Marsciano, prima una lite e una coltellata

Spara alla sorella Marsciano, prima una lite e una coltellata

Tre colpi di fucile da caccia, sparati dal fratello verso la sorella e il suo fidanzato. Ma prima una lite, le urla e una coltellata. Tre colpi sparati da uno dei balconi della casa di famiglia nel piazzale sottostante. E’ successo nella tarda serata di giovedì, a San Valentino della Collina, frazione di Marsciano.

Lotta tra la vita e la morte la donna 32enne. Le sue condizioni sono molto gravi, ha riportato ferite procurate dai pallini in tutto il corpo, soprattutto al volto e al torace.

Ieri è stata sottoposta al primo intervento chirurgico al Santa Maria della Misericordia. Ricoverato anche il convivente della donna, padre dei due figli della coppia, che è stato ferito al ginocchio.

I carabinieri della compagnia di Todi agli ordini del maggiore Luigi Salvati Tanagro stanno indagando per risalire alle cause. Il fucile (regolarmente detenuto dall’uomo) è stato sequestrato, così come l’area dove si sono verificati i fatti.

Il fratello è stato condotto al carcere di Spoleto con le accuse di tentato omicidio aggravato e lesioni personali, alle domande poste dal sostituto Patrizia Mattei della Procura della Repubblica di Spoleto, si è avvalso delle facoltà di non rispondere.

Al momento non ancora chiare le cause che hanno portato alla violentissima lite. Ancora da capire se ci fossero problemi collegati al lavoro. Fratello e sorella lavoravano insieme e lui è un imprenditore.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*