Passi per normalizzare nosocomio, ospedale Pantalla, occhi aperti

 
Chiama o scrivi in redazione


Passi per normalizzare nosocomio, ospedale Pantalla, occhi aperti

Passi per normalizzare nosocomio, ospedale Pantalla, occhi aperti

«La direzione dell’ospedale Media Valle Tevere, su basi scientifiche e ordine della direzione generale, farà sanificare in settimana il blocco 1 e 2 di malattie infettive (ex chirurgia ed ex sala operatoria), facendo trasferire i 10 pazienti in malattie infettive 3 (ex medicina). Alla luce di ciò, visto che due interi blocchi del nosocomio vengono “puliti” si potrebbero aprire servizi per pazienti no covid». A chiederlo, con una lettera aperta, i membri del Gruppo “Ospedale Pantalla. Occhi aperti”. La lettera circola già da questa mattina.


«Il blocco pulito – scrivono proponendo – potrebbe essere utilizzato per riaprire il Pronto soccorso, la dialisi, il cres e gli ambulatori, la diagnostica per immagini, un punto raccolta sangue e un punto prelievi. Comunque lasciando un reparto adibito (ex medicina) per pazienti positivi covid e riabilitazione post ricovero».


Considerata l’apertura del bar interno, anche i servizi dovrebbero seguire, secondo il Comitato, la stessa strada altrimenti sarebbe un controsenso.

«L’ospedale di Pantalla – è scritto nella lettera – diviso in 3 blocchi avrebbe quindi un blocco con zona rossa e due blocchi per pazienti comuni. Per l’accesso al pronto soccorso, visto la presenza di un container e un percorso già prestabilito, si potrà fare un pre triage come al Santa Maria della Misericordia e dividere le tipologie di pazienti, con l’utilizzo dei test rapidi.

Chiediamo di cogliere l’occasione della sanificazione e pulizia di 2/3 dell’intero ospedale per la riapertura di tutti i servizi possibili, lasciando la chirurgia e la sala per un futuro prossimo, comunque, da definire dopo la fase 2».


Scrivi in redazione

1 Commento

  1. Visto come stanno diminuendo i contagi e’ preferibile attendendere poi sanificare tutto in quanto andare a Pantalla per qualsiasi terapia possibile potrebbe essere troppo rischioso lasciando una parte anche se isolata adibita a covid 19.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*