Deruta, firmata convezione di adesione alla Stazione unica appaltante

 
Chiama o scrivi in redazione


E’ stata firmata oggi la convenzione di adesione alla stazione unica appaltante, alla presenza del sindaco di Deruta e del Presidente della Provincia. La convenzione sottoscritta affida alla Stazione Unica Appaltante la gestione di procedure di gare per l’acquisizione di beni, servizi, forniture e lavori pubblici.

Dal 1 gennaio 2015 i Comuni fino a 10mila abitanti devono infatti per legge gestire in associazione le materie oggetto di appalto (acquisizione beni, servizi e forniture) o fare riferimento alla Stazione Unica Appaltante istituita presso le Province. Per quanto riguarda i Comuni con popolazione superiore ai 10mila abitanti resta la facoltà di procedere ad affidamenti diretti entro i limiti di 40mila euro di valore. Da giugno scatterà per tutti i Comuni, non capoluogo, l’obbligo di gestire in forma associata o attraverso la Stazione Unica Appaltante provinciale anche le procedure di gara relative ai lavori pubblici.

“Con la Provincia di Perugia – ha detto il sindaco di Deruta – il nostro comune ha sempre avuto ottimi rapporti in molti settori come scuole e viabilità, quindi aderiamo con piacere alle convenzioni che ci propongono. Oggi oltre che alla stazione appaltante aderiamo anche al progetto di assistenza tecnica in materia di informazione. Credo che la Provincia deve assumere un ruolo di coordinamento dei piccoli comuni provincia”. “Con la firma di questi accordi con i comuni stiamo predisponendo la Provincia del futuro – spiega il presidente della Provincia – che, in base alla legge Delrio, dovrà lavorare in stretta collaborazione con i Comuni mettendo a disposizione i propri servizi.

E’ evidente che l’obiettivo del legislatore è quello di produrre risparmi ai Comuni per l’acquisto di beni e quant’altro e di accelerare i tempi di perfezionamento delle procedure. La Provincia forte di esperienza e professionalità è in grado di svolgere in maniera puntuale un compito altamente qualificato”.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*