Cinque ragazzi stranieri nascosti in un container dalla Serbia in Campania

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinque ragazzi stranieri nascosti in un container dalla Serbia in Campania

Nelle prime ore della mattina odierna, in località Pantalla, nell’area di sosta “Tamoil”  lungo la E/45, i Carabinieri di Todi hanno trovato cinque giovani di sesso maschile, che hanno dichiarato di essere di nazionalità afghana, all’interno di un container contenente contenitori in vetro partito dalla Serbia il 15 giugno e  diretto in Campania.

L’intervento dei carabinieri è stato richiesto dallo stesso autista del camion, di nazionalità serba il quale, in sosta nell’area di servizio, ha sentito dei rumori provenire dal container. Pensando dapprima ad un problema meccanico, l’uomo  ha chiesto aiuto da un camionista italiano in sosta nella stessa area di servizio.

Avvicinatisi al container i due hanno chiaramente udito delle voci provenire dall’interno e hanno chiamato il 112; voci e rumori sono stati sentiti anche dai carabinieri intervenuti, che a quel punto hanno aperto il portello del container, trovando all’interno i 5 giovani in evidente difficoltà fisica.

I militari hanno immediatamente provveduto a rifocillarli e a contattare il 118 di Todi per le cure del caso, visto che uno di loro aveva accusato un lieve malore.

Svolti i primi accertamenti sul posto, i 5 uomini sono stati condotti presso la Compagnia di Todi insieme al camionista serbo; ai carabinieri i giovani afghani hanno raccontato di essere stati fatti salire all’interno del container in un’area di sosta al confine tra Slovenia e Croazia il 15 giugno, da un uomo al quale hanno pagato la somma di €. 2.500 a testa e di avere trascorso due giorni nascosti tra il materiale stipato. Gli operanti hanno quindi provveduto a prendere i necessari contatti per la loro sistemazione presso una struttura di accoglienza grazie alla disponibilità offerta dal Comune di Todi.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*