Celebrazioni per Santa Caterina, le acquisizioni delle donazioni di opere

Celebrazioni per Santa Caterina, le acquisizioni delle donazioni di opere

Con due distinte cerimonie, ieri pomeriggio, sono state acquisite due donazioni di opere: una da parte della famiglia dell’ex sindaco di Deruta, Luigi Bonucci, l’altra della Fondazione Ceramica Contemporanea d’Autore Alviero Moretti.

In una folta Sala “Alviero Moretti” del Museo Regionale della Ceramica, sono state scoperte le opere donate, alla presenza, fra gli altri, di membri della giunta e del consiglio comunale, del rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, Valerio De Cesaris, degli ex sindaci di Perugia e Todi, rispettivamente Mario Valentini e Carlo Rossini, del presidente dell’Accademia di Belle Arti di Perugia, avvocato Mario Rampini e di cittadini.

“La capacità di condividere e mettere a disposizione degli altri – ha commentato il sindaco Michele Toniaccini, aprendo le cerimonie – è un gesto straordinario e che va nella direzione di valorizzare il ricco patrimonio che questa terra ha la fortuna di avere e di rafforzare il carattere solidale di questa comunità”.

A donare l’opera di Edgardo Abbozzo sono stati gli eredi di Luigi Bonucci, quest’ultima, figura di grande rilievo dell’Umbria: per lunghi anni collaboratore nel settore amministrativo degli arcivescovi Antonelli, Chiaretti e Bassetti e direttore dell’Ufficio diocesano per l’edilizia di culto, membro, insieme alla moglie Maria Teresa Andreoli, dell’Equipe Notre Dame perugino-pievese.

Nella società civile ha ricoperto importanti incarichi professionali, tra cui quello di direttore regionale INPS dell’Umbria e poi della Toscana. Fu anche consigliere della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. E come non citare il suo incarico da sindaco di Deruta negli anni ‘50 e promotore dell’istituzione del locale Istituto Statale di Arte per la Ceramica.

“Occasioni come questa – ha aggiunto il sindaco – servono anche a non disperdere la memoria su persone così illustri della nostra società, figure di cui occorre tramandare esempio e storia”.

“Un atto di colta generosità”: così Francesca Abbozzo, cugina di Edgardo e già Direzione Regionale Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria, ha definito la donazione dell’opera da parte della famiglia Bonucci.

Il Conservatore del Museo, Giulio Busti ha ripercorso la storia e la vita di Edgardo Abbozzo, mentre l’avvocato Rampini ha ricordato Abbozzo come “un caro amico, un uomo che ha segnato il suo tempo”. Il ceramologo Franco Cocchi ha raccontato della sua amicizia sia con Abbozzo, sia con Luigi Bonucci.

“E’ con grande onore – ha poi detto il sindaco, riferendosi alla donazione Moretti – che rendiamo omaggio e memoria ad Alviero Moretti, lungimirante imprenditore, cui è intitolata la sala del Museo Regionale della Ceramica”.

Il figlio di Moretti, Giorgio ha ricordato l’ex sindaco di Deruta, Verbena che “ha dato il via a questa operazione, portata a conclusione dall’attuale Amministrazione”. Giorgio Moretti ha sottolineato l’amore del padre per questo Museo e ha aggiunto che “donare è un atto di compartecipazione e vorrei che la Fondazione – contenitore di opere di arte contemporanea, che fanno riferimento a tecniche antiche – fosse percepita da tutti come propria”. Per l’assessore alle Politiche Culturali, Piero Montagnoli, l’imprenditore Alviero Moretti è stato “un uomo che sapeva guardare oltre”: “Quando fondai l’associazione Nuova Frontiera, iniziai a collaborare con Alviero che era presidente regionale di Confartigianato. Fu lui a sostenere le mie iniziative con la Cina intuendo la necessità di attivare degli interscambi e di avviare un dialogo con l’Ambasciata della Cina in Italia. Guardava al futuro, come oggi, fa la Fondazione. Deruta non si deve fermare all’arte tradizionale, ma deve abbracciare anche l’arte contemporanea”. Il ceramologo Franco Cocchi ha delineato i tratti “di grande umanità” di Alviero Moretti e la capacità di “prospettiva dell’imprenditore”: “Moretti era un imprenditore di larghe vedute e di straordinaria umanità”.

Le celebrazioni per Santa Caterina si sono concluse, nella giornata di ieri, con lo spettacolo sold out del mago e prestigiatore Paris che ha incantato con la sua arte il pubblico del cineteatro PostoUnico, a Deruta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*