Bettona, fontanella di acqua pubblica, eroga oltre mille litri al giorno

 
Chiama o scrivi in redazione


Sono oltre mille i litri che ogni giorno eroga l’impianto di acqua naturale, gassata e refrigerata proveniente dalla rete pubblica, situato a Passaggio di Bettona, sul piazzale Largo della Pesa, ed attivo dallo scorso primo settembre. Dai dati forniti da Umbra Acque emerge che nel primo trimestre di attivazione della “Casina dell’acqua” è stata elargita una quantità di acqua pari a circa 94 metri cubi, di cui 43 naturale e 51 frizzante.

«Ciò significa – spiega il vice sindaco Stefano Ciuffini – un consumo giornaliero di oltre mille litri, permettendo di fatto una notevole ricaduta in primis sul versante ambientale, viste le migliaia di bottiglie in plastica eliminate, e poi non da meno su quello economico portando al consumatore una riduzione della spesa pari ad un quarto di quella normalmente sostenuta. Il tutto senza considerare che l’acqua è di qualità alta, sempre controllata. L’amministrazione comunale è assolutamente soddisfatta di questo risultato».

La struttura rientra nel progetto “Fontanelle”, realizzato con il contributo della Regione Umbria e dell’Ambito Territoriale Integrato 2. L’impianto ha avuto un costo di realizzazione di circa 14mila euro ed il progetto è stato curato dall’ufficio tecnico del Comune di Bettona, che ha sottoscritto una convenzione con Umbra Acque per la sua realizzazione.

«L’amministrazione – dichiara anche il sindaco Stefano Frascarelli – ha fatto richiesta in Regione per l’assegnazione di una seconda fontanella da realizzare a Bettona. Vogliamo ringraziare la Regione Umbria ed Umbra Acque per l’impegno che si sono prese. In questi giorni – conclude Frascarelli – stiamo valutando se realizzare una tettoia sopra l’attuale fontanella per rendere il servizio più agevole, soprattutto per il periodo estivo».

L’acqua, che costa 50 centesimi ogni litro e mezzo, che viene erogata dall’impianto proviene dall’acquedotto della Pasquarella di Baschi.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*