Todi, Ruspolini, Lega Nord, Rossini chieda scusa ai tuderti

Domenica chi vorrà lasciare tutto com’è avrà l’imbarazzo della scelta

 
Chiama o scrivi in redazione


Todi, Ruspolini, Lega Nord, Rossini chieda scusa ai tuderti

Todi, Ruspolini, Lega Nord, Rossini chieda scusa ai tuderti

da Adriano Ruspolini (Candidato a sindaco di Todi per la Lega Nord)
TODI – “I miserevoli attacchi personali che Rossini e i suoi sostenitori mi hanno rivolto sono per me una medaglia conquistata sul campo. La mia storia personale parla per me: ho servito la mia Patria per più di quarant’anni e se servisse sarei pronto a farlo anche domani. Non mi aspetto, certo, altrettanto da chi oggi si riempie la bocca di espressioni come “servitore dello Stato” e “istituzioni democratiche” e nomina la “bandiera”, ma in questi anni non è stato capace di rispettare nemmeno il tricolore che sventola sul palazzo comunale, lasciato sporco e logoro al punto da spingermi a regalarne uno al Comune, tramite un Consigliere comunale, per mettere fine a una simile vergogna.

Quanto alla mia adesione alla Lega sono fiero di essere iscritto ad un partito che, grazie alla svolta del suo segretario Matteo Salvini, ha scelto un ideale chiaro, semplice e concreto: “prima gli italiani! Sempre e comunque”. Se proprio costoro vogliono attaccare chi non rispetta l’esercito e la Patria posso fornirgli l’indirizzo della Sig.ra Boldrini che, spero ancora per poco, occupa indegnamente la poltrona della terza carica dello Stato e che si è permessa di non applaudire e rendere omaggio alla bandiera della Folgore, ai suoi uomini che hanno dedicato e dedicano la propria vita alla difesa della Patria e delle libere Istituzioni (io a differenza di lor signori  la “i” la mettiamo maiuscola).

Venendo alle patetiche e risibili risposte che Rossini ha dato sulla vicenda Todi Festival e alla questione del depuratore, come disse Enio Flaiano, la situazione è grave, ma non seria. Relativamente al TODI FESTIVAL il  “soccorso Rosso” della Presidente Marini, che si aggiunge a quello dei Ministri che si sono precipitati al suo capezzale, è evidente … il Todi Festival si svolgerà dal 28 agosto al 3 settembre,  sarebbe bastato aspettare le Amministrative se non lo si è fatto è proprio perché la Marini intendeva sostenere il “suo” candidato in evidente difficoltà. Quanto alle “guasconate” del Sig. Guarducci, relative al suo impegno per il Todi Festival, gli umbri ci sono abituati.. e la veste di benefattore “francescano” che non cura i propri interessi e non trae vantaggio (lecito per carità) dalle iniziative che sostiene proprio non gli si addice.

Quanto al Depuratore che si intende realizzare in località Cascianella, di “incivile” c’è il fatto che la vicenda si trascini da più di dieci anni senza che le Amministrazioni che si sono susseguite e le persone che hanno ricoperto incarichi istituzionali abbiano saputo (o voluto) risolvere il problema fino ad oggi individuando una località “plausibile”. Il fatto che ciò riguardi anche l’Amministrazione Ruggiano non ci imbarazza in alcun modo, visto che la Lega non ne faceva parte: non è un caso che la Lega (anche) per questo abbia voluto compiere scelte diverse. Ringrazio il Sindaco Rossini per aver ribadito come stanno le cose: domenica chi vorrà lasciare tutto com’è avrà l’imbarazzo della scelta, chi invece vorrà cambiare avrà una sola possibilità, scegliere la Lega e  chi la rappresenta”.


Scrivi in redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*