Nuovi interventi sulle mura urbiche di Todi

Nuovi interventi sulle mura urbiche di Todi

Nuovi interventi sulle mura urbiche di Todi

Lavori per 4,7 milioni di euro in continuità con il tratto appena inaugurato

In occasione dell’inaugurazione del tratto di mura restaurate in via della Fabbrica, l’Amministrazione comunale ha voluto presentare i lavori che interesseranno la cinta medievale della città di Todi grazie al finanziamento di 4,7 milioni di euro ottenuto di recente dalla Regione Umbria.
Il Sindaco Antonino Ruggiano e l’assessore ai lavori pubblici Moreno Primieri, attingendo dal documento di indirizzo alla progettazione approvato in Giunta lo scorso 23 febbraio, hanno visualizzato a favore dei presenti i prossimi stralci, con i quali si completerà il risanamento delle mura urbiche cittadine.

In continuità con l’intervento appena concluso, i lavori proseguiranno con il recupero dei due tratti intorno al campetto del Crispolti, interessati da uno scorrimento verso valle, traslazione e da quadri fessurativi importanti. Un altro cantiere interesserà a seguire le mura sotto Palazzo Pongelli, oggi completamente nascoste dalla vegetazione che, in alcuni casi, è arrivata a compromettere la stabilità del paramento stesso. Terzo intervento, le cui foto hanno destato particolare interesse, sarà rivolto al muraglione di San Clemente, caratterizzato anche da una scala che permetteva di raggiungere la soprastante Via della Piana.

“Si tratterà di un’opera di portata storica – ha sottolineato il Sindaco Ruggiano – che restituirà alla città e ai turisti le vestigia del passato, ridarà decoro ad una zona a ridosso del centro storico abbandonata da quasi mezzo secolo e costituirà il presupposto per la realizzazione di una nuova area di sosta con relativo sistema di risalita previsto nel piano di rigenerazione urbana da 5 milioni di euro le cui procedure di affidamento si sono concluse nelle settimane passate”.

Il finanziamento destinato alle mura permetterà inoltre interventi in altri tratti della cinta: sotto l’ex convento del Sacro Cuore oggi sede dell’Ipsia, in prossimità di Porta Amerina, sotto la scuola elementare, e tra Porta Perugina e Porta Orvietana. In alcuni casi saranno sufficienti interventi di cuci-scuci, di risarcimento delle lesioni presenti e di stuccatura; in altri sono previste palificazioni in cemento armato nelle fondazioni delle  mura con  funzioni di sostegno; in altri ancora sarà necessario la ricostruzione della muratura al piede.

“Un ringraziamento particolare – ha detto il Sindaco Ruggiano nel corso della cerimonia – va all’assessore regionale Enrico Melasecche che si è impegnato affinché un’opera così importante e lungamente attesa potesse avere finalmente soluzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*