Strada di via di Castellone, presto fruibile, progetto messa in sicurezza

Strada di via di Castellone, presto fruibile, progetto messa in sicurezza

Strada di via di Castellone, presto fruibile, progetto messa in sicurezza. Grande soddisfazione da parte di tutti i presenti all’incontro di ieri sera che si è svolto presso la sala consiliare del Comune di Deruta dove è stato presentato il progetto di messa in sicurezza dell’area interessata dal movimento franoso, finalizzato alla riapertura della strada di via di Castelleone ripristinando così il fra Borgo Garibaldi e il centro storico di Deruta.

I lavori saranno avviati in seguito all’autorizzazione che i proprietari dell’immobile interessato dal movimento franoso dovranno rilasciare al comune di Deruta per consentire all’impresa edile che si aggiudicherà l’appalto per la messa in sicurezza di accedere alle aree private per eseguire l’intervento.

Il progetto realizzato dall’ingegnere Nando Granieri prevede una parziale scomposizione della porzione del fabbricato e altri interventi sui terreni adiacenti allo stesso.

Siamo particolarmente soddisfatti perché il lavoro di squadra che è stato portato avanti in questi mesi ci ha consentito di raggiungere un obiettivo importante, in un tempo relativamente breve, senza gravare sul bilancio comunale, grazie alle risorse finanziarie che l’ Amministrazione Comunale è riuscita ad ottenere da vari enti, nonostante il movimento franoso si sia sviluppato interamente su un’area privata che ha interessa successivamente la strada pubblica sottostante, obbligando di fatto il comune di Deruta ad intervenire per tutelare l’incolumità dei cittadini e ripristinare la strada di accesso al centro storico.

LEGGI ANCHE: Deruta, riapre al transito Borgo Garibaldi

In seguito all’ottenimento del primo finanziamento regionale avvenuto nel dicembre 2018, per un importo complessivo di euro 50.000 che ha consentito l’affidamento dell’incarico tecnico all’ ing. Nando Granieri per la redazione del progetto complessivo con importo definito a perseguimento delle finalità dei singoli finanziamenti, ulteriori approfondimenti tecnici e valutazione di ordine economico hanno delineato la necessità di ulteriori risorse per l’attuazione dell’intervento.

Le ulteriori risorse sono state recepite mediante due successivi canali di finanziamento tra il mese di dicembre 2018 e il mese di gennaio 2019. Il primo dal Ministero dell’Interno per il tramite della Prefettura di Perugia sono stati ottenuti fondi per calamità e interventi urgenti per un importo di €.25.000 che si sono sommati al contributo economico di €.70.000 concesso dal Governo attraverso i fondi della legge finanziaria 2018 per i comuni al di sotto dei 10.000 abitanti.

L’importo complessivo delle risorse finanziarie pari a €145.000, ci consente di dare avvio all’intervento che potrebbe essere completato già entro il mese di maggio 2019.
La prioritaria e cogente attività di ripristino delle condizioni di sicurezza e della viabilità, si inquadra quale azione di salvaguardia della pubblica incolumità e di mitigazione dei rischi.
Tale condizione prescindere da tutte le considerazioni di ordine giuridico relativi all’accertamento di eventuali responsabilità sulle origini dell’evento accaduto sul quale i soggetti privati e pubblici coinvolti avranno facoltà di adire le vie legali per la tutela dei propri interessi. Il comune di Deruta si adopererà in tal senso avendo già affidato l’incarico all’avv. Giuseppe Caforio.

L’importante lavoro dei tecnici comunali insieme al geom. Lorenzo Cioni, esperto in materia, ha consentito di ottemperare a tutti gli adempimenti imposti dalla protezione civile a seguito di questo evento straordinario per il quale la regione dell’Umbria non ha ritenuto opportuno attivare lo stato di emergenza regolamentato dall’articolo 7 comma 1 del D.Lgs n. 1/2018.

A questo punto in seguito gli atti di assenso dei proprietari degli immobili coinvolti a fine dell’installazione del cantiere e dell’esecuzione delle opere di salvaguardia si procederà per lo stato di consistenza dell’immobile e dei terreni interessati da decostruzione controllata entro il mese di febbraio con l’approvazione del progetto esecutivo e l’assegnazione dell’appalto dei lavori entro il mese di marzo/aprile 2019.

L’intervento consentirà alla riapertura della viabilità la messa in sicurezza del fronte frana è un costante monitoraggio del sito. Rimarranno in essere le inagibilità degli immobili interessati e degli immobili limitrofi fino a quando non saranno ripristinate le condizioni di sicurezza

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*