I Consigli comunali di Todi negli ultimi 30 anni

Elezioni comunali Todi, parità di accesso cariche elettive e pubblicazione del curriculum vitae e del certificato del casellario giudiziale

I Consigli comunali di Todi negli ultimi 30 anni

Fino all’anno 1993 nelle elezioni comunali i cittadini eleggevano direttamente solo il Consiglio comunale, l’organo fondamentale del Comune che poi eleggeva il Sindaco e la Giunta municipale. Il Consiglio  assommava in sé le maggiori competenze deliberative, restando assegnati alla Giunta un ruolo esecutivo e al Sindaco un ruolo di rappresentanza secondo uno schema in vigore fin dall’inizio dello Stato unitario in base alla legge 2248, allegato A-Legge sull’Amministrazione comunale e provinciale del 1865 e poi al testo unico della legge comunale e provinciale di cui al regio decreto 148 del 1915. Il testo unico attribuiva al Consiglio, oltre la competenza deliberativa sugli affari principali espressamente elencati, anche quella c.d. residuale e cioè la competenza a deliberare in generale su tutti gli oggetti propri dell’amministrazione non attribuiti agli altri organi e che quindi spaziava in ogni settore di attività dell’ente.

Solo durante il ventennio del regime fascista venne abolito il sistema elettivo e instaurato nei comuni italiani il regime podestarile con un podestà che, nominato con regio decreto, assommava su di sé  le attribuzioni del Consiglio, della Giunta e del Sindaco.

Dopo la liberazione dell’Italia dalla dittatura fascista nell’aprile ’45 e la fine della seconda guerra mondiale nel settembre dello stesso anno, il popolo italiano nel referendum del 2 giugno 1946 scelse direttamente la forma di governo  della Repubblica, sancendo così la fine della Monarchia sabauda (peraltro non assoluta ma costituzionale con lo statuto Albertino) ed elesse anche l’Assemblea costituente nelle prime libere elezioni politiche dopo 25 anni e le prime in cui ebbero diritto al voto anche le donne.  Con la Costituzione repubblicana, entrata in vigore dal 1° gennaio 1948, fu scelta dai padri costituenti una forma di Stato regionale, intermedia tra lo Stato unitario e lo Stato federale. Fu delineato cioè uno Stato unitario non accentrato, che riconosce e amplia la sfera delle autonomie locali, sia di quelle tradizionali dei Comuni e delle Province che con la creazione di 20 Regioni ( art. 131 Cost.) tra cui l’Umbria e le stesse, senza arrivare a caratterizzarsi come Stati federali, sono comunque titolari di una propria potestà legislativa e di una notevole autonomia finanziaria.

Nella nuova fase storica e politica italiana é stato pertanto ripristinato il sistema elettivo e rappresentativo dei Consigli comunali  arrivando poi al testo unico delle leggi per la composizione e l’elezione degli organi delle amministrazioni comunali di cui al d.P.R. 570 del 1960, tutt’ora parzialmente vigente con modificazioni e che, tra l’altro, assegnava 30 membri ai Consigli dei comuni con più di 10mila e fino a 30mila abitanti, come quello di Todi.

Con la legge 142 del 1990 di riforma dell’ordinamento comunale è stata attribuita al Consiglio comunale una competenza deliberativa limitata agli atti fondamentali espressamente indicati nella legge stessa e quella c.d. residuale è stata tolta al Consiglio e attribuita alla Giunta comunale. Nel nuovo ordinamento  il ruolo del Consiglio, pur ancora preminente, é venuto a caratterizzarsi soprattutto per la funzione di indirizzo e di controllo politico-amministrativo.

Con la riforma dell’assetto del governo locale di cui alla legge 81 del 1993 sull’elezione popolare diretta del Sindaco, che quindi non è più emanazione del Consiglio e con la successiva legge 265 del 1999 in materia di autonomia e ordinamento degli enti locali si è assistito ad un  ulteriore ridimensionamento del Consiglio comunale ed al potenziamento dei poteri e del ruolo del Sindaco (con la nomina e revoca  degli assessori, la  nomina e revoca dei rappresentanti del comune negli enti di secondo livello, la predisposizione e attuazione, insieme alla Giunta, delle “linee programmatiche”  e il Consiglio che si limita a partecipare alla definizione e adeguamento delle stesse  e alla verifica periodica della loro attuazione,  ecc. ). Tali norme sono poi confluite con adeguamenti nel testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali approvato con decreto legislativo 267 del 2000 e successive modificazioni, tuttora vigente.

La riforma del marzo 1993 ha anche introdotto, nei comuni con più di 15 mila abitanti, l’incompatibilità tra la carica di assessore  e  quella di consigliere comunale, il cui titolare  pertanto cessa da quest’ultima al momento dell’accettazione della nomina ad assessore da parte del Sindaco  e viene sostituito in Consiglio dal primo dei non eletti della medesima lista.

La figura del Presidente del Consiglio comunale è stata anch’essa introdotta dalla citata legge del ’93 solo nei comuni  con almeno 15 mila abitanti e attraverso una specifica scelta statutaria tra il consigliere anziano (quello con la maggiore cifra individuale) o il presidente eletto dall’assemblea. Il Comune di Todi con deliberazione consiliare 162 del ’93 modificò lo Statuto comunale già approvato con deliberazione 99 del ’91 e scelse di istituire la figura del Presidente del Consiglio eletto nel suo seno nella prima seduta e a maggioranza assoluta del componenti l’organo. La figura è poi divenuta obbligatoria nei comuni con popolazione superiore a 15 mila abitanti con la legge 265 dell’agosto ’99 e da eleggere tra i consiglieri nella prima seduta del Consiglio.

I componenti dell’ultimo Consiglio comunale di Todi quale unico organo ad elezione diretta e dei successivi Consigli eletti insieme ai Sindaci dai cittadini elettori risultano essere stati, nelle varie tornate elettorali amministrative degli ultimi 30 anni e, dal 1994,  dopo la nomina delle Giunte, le persone di seguito elencate insieme alle forze politiche o civiche presentatrici delle relative liste.

1) ELEZIONI del 6 maggio 1990 – Consiglieri assegnati n. 30. Durata carica: 5 anni.  Ultimo Sindaco eletto dal Consiglio comunale: BUCONI Massimo. Presiedeva, oltre la Giunta, anche il Consiglio.

PCI/PDS n. 10: ATANASI Silvano, BATTISTI Augusto, CAPPELLETTI Stefano, MARINI Catiuscia, MAZZONI Primo, NATILI Piero, PALOMBA Gianni, PETRINI Getulio, PULCIONI Alberto, STEFANELLI Silvana.

DC n. 9: BUCHICCHIO Emilio, CHIAPPALUPI Mario, CILIANI Mario fino al 29/01/1992 poi SPAZZONI Giuseppe, COATA Luigi, LIBERATI Ilio, MENGHINI Nazzareno, PISTOLESI Sandro, ROSSINI Luca, TOFANETTI Francesco.

PSI n. 8: BARTOLINI Massimo, BUCONI Massimo, CARLONI Giancarlo, CHIARALUCE Annibale, MANTILACCI Paolo, PATALINI Luca, PELLI Piero, VANNINI Carlo.

MSI-DN n. 2: BARBERINI Graziano fino all’11/10/1991 poi CARBONARI Alvaro, EPIFANI Mario.

PRI n. 1: TENTI Pier Luigi.

In data 22 febbraio 1994 il Consiglio comunale è stato sciolto con decreto del Presidente della Repubblica e il Comune è stato amministrato dal Commissario prefettizio DE BONIS Antonio e  dal Vicecommissario ALFANO Mario, fino alle elezioni anticipate del giugno ’94.

2) ELEZIONI del 12 giugno 1994 – Consiglieri assegnati n. 20. Durata carica: 4 anni. Primo Sindaco eletto direttamente: NULLI PERO Ottavio.

PROGRESSISTI n. 7: ATANASI Silvano, CILIANI Gianfranco fino a novembre ’96 poi Falconi Andrea,  CALISTI Rita, MARINI Catiuscia fino al 27/06/1996 poi FIFI Giuseppe, NATILI Piero, PALOMBA Gianni, STEFANELLI Silvana.

UNIONE DEMOCRATICA TUDERTE n. 4: CHIARALUCE Annibale, PARASECOLO Paolo, PERARI Maurizio, PROVENZANI Pier Leonardo fino al 16/01/1996 poi CASTRINI Giancarlo.

ALLEANZA NAZIONALE n. 4: ALVI Gianluca, BAFFONI Fabrizio fino all’11/12/1997 poi GIOVENALI Andrea, CUCCAGNA Enzo, SIMONI Maurizio.

Candidato sindaco CEN-DES proclamato consigliere n. 1: ALONGI Carlo.

FORZA ITALIA n. 2: PETRINI Franco, VALENTINI Paolo fino al 10/01/1997 poi SIMONI Gaetano.

PARTITO POPOLARE ITALIANO n.1: BUCHICCHIO Emilio fino a metà’96 poi PRUDENZI Maria Luigia.

Lista Civica MCL n. 1: PAZZAGLIA Alvise fino a novembre ’96 poi ROSSINI Luca.

Presidente del Consiglio comunale: CILIANI Gianfranco fino a novembre ’96 poi PALOMBA Gianni.

3) ELEZIONI del  24 maggio 1998 – Consiglieri assegnati n. 20. Durata carica: 4 anni Sindaca eletta: MARINI Catiuscia.

L’ULIVO n. 5: ATANASI Silvano; BERRETTONI Ernesto, NULLI PERO Ottavio, PALOMBA Gianni, TOMASSINI Enzo.

ALLEANZA NAZIONALE n. 4: ALVI Gianluca fino a prima metà ’99 poi GIOVENALI Andrea, BAFFONI Fabrizio, MALLOZZI Leonardo, ODDI Pino.

Candidato sindaco CEN-DES proclamato consigliere: ALONGI Carlo fino a prima metà ’99*.

SOCIALISTI DEM. n. 4: COSTANZI Emidio, PARASECOLO Paolo, PROVENZANI Pier Leonardo fino a prima metà 2000 poi TENTI Pier Luigi, SERVOLI Alessandro fino seconda metà ’99 poi CHIARALUCE Annibale, poi ancora CASTRINI Giancarlo.

RIFONDAZIONE COMUNISTA n. 3: ALLERI Pietro, CAPRINI Andrea, GAGGINI Claudio.

FORZA ITALIA n. 2 + 1: MAMMOLI Domenico, SIMONI Gaetano, BOSCHI Valentina da prima metà ’99*.

CDU n. 1: CHIAPPALUPI Mario.

Presidente del Consiglio comunale: NULLI PERO Ottavio.

4) ELEZIONI del  26 maggio 2002 – Consiglieri assegnati n. 20. Durata carica: 5 anni. Sindaca eletta: MARINI Catiuscia.

DEMOCRATICI DI SINISTRA n. 6: AUSTERI Sabrina, BIZZARRI Piero,  CAPPELLETTI Stefano, FIACCA Alfio, GIORGI Mauro, TOMASSINI Enzo.

SDI-ALTRI n. 6: ALVI Fabrizio Maria, BERRETTONI Ernesto, BUCONI Massimo, CASTRINI Giancarlo, COSTANZI Emidio, PROVENZANI Pier Leonardo.

ALLEANZA NAZIONALE n. 2: ORSINI Claudia, RUGGIANO Antonino.

FORZA ITALIA n. 2: FRIGGI Giovanni, NULLI PERO Ottavio.

Candidato Sindaco CEN-DES proclamato consigliere n. 1: PRIMIERI Moreno.

DL LA MARGHERITA n. 1: SARGENTI Alviero.

RIFONDAZIONE COMUNISTA n. 1 CAPRINI Andrea.

Candidato sindaco NUOVO PSI proclamato consigliere n. 1: BUDASSI Valfiero.

Presidente del Consiglio comunale: ALVI Fabrizio Maria.

5) ELEZIONI del  27 maggio 2007 – Consiglieri assegnati n. 20. Durata carica: 5 anni. Sindaco eletto: RUGGIANO Antonino.

L’ULIVO n. 7: CAPPELLETTI Stefano fino al 02/07/2009 poi AUSTERI Sabrina, Contessa Pier Luigi, GIORGI Mauro fino al 18-12-2008 poi PETRINI Getulio, Isacco Mauro, PERNI Romina, PETRAZZOLI Rita, ROSSINI Carlo.

ALLEANZA NAZIONALE n. 4: GIMIGNANI Stefano, MARCHETTI Stefano, MARTORELLI Michele, RANCHICCHIO Claudio.

FORZA ITALIA n. 3: BOSCHI Renzo, MARTORELLI Simone, RANIERI Franco.

SDI-UDEUR-ALTRI n. 2: ALVI Fabrizio Maria, PIZZICHINI Floriano.

Candidato Sindaco CEN-SIN proclamato consigliere n. 1: SERVOLI Alessandro.

UNIONE DI CENTRO n. 1: SERAFINI Claudio fino al 16/07/2009 poi CILIANI Elena.

FIAMMA TRICOLORE n. 1: EPIFANI Mario.

RIFONDAZIONE COMUNISTA n. 1: CAPRINI Andrea.

Presidente del Consiglio comunale: PIZZICHINI  FLoriano.

6) ELEZIONI del  6 maggio 2012 – Consiglieri assegnati n. 16. Durata carica: 5 anni. Sindaco eletto: ROSSINI Carlo.

PARTITO DEMOCRATICO n. 6: ALVI Francesco Maria, BERRETTONI Simone Mattia, CARLETTI Diego, GIOFFRÉ Massimiliano, ORLANDONI Marcello, VANNINI Andrea.

IL POPOLO DELLA LIBERTA’ n. 4: PIZZICHINI Floriano, PRIMIERI Moreno, RANCHICCHIO Claudio, SERAFINI Antonio.

Candidato Sindaco CEN-DES proclamato consigliere n. 1: Ruggiano Antonino.

PARTITO SOCIALISTA ITALIANO n. 3: COLETTI Giovanni, GUAZZARONI Fabrizio, PARASECOLO Paolo.

I VALORI DELLA SINISTRA n. 1: GIORGI Mauro.

Candidato Sindaco ARIA NUOVA PER TODI  proclamato consigliere n. 1: SERAFINI Claudio.

Presidente del Consiglio comunale: ALVI Francesco Maria.

7) ELEZIONI dell’11 giugno 2017 – Consiglieri assegnati n. 16. Durata carica: 5 anni. Sindaco eletto: RUGGIANO Antonino.

FORZA ITALIA n. 4: GIMIGNANI Stefano, PENNACCHI Mauro, PETRINI Vania, SERAFINI Antonio fino al  31/12/2021 poi FERRI Giovanna.

 PARTITO DEMOCRATICO n. 3: MASSETTI Catia, VALENTINI Manuel, VANNINI Andrea.

Candidato Sindaco CEN-SIN proclamato consigliere n. 1: ROSSINI Carlo fino al 12/10/2018 poi BERRETTONI Simone Mattia.

FRATELLI D’ITALIA- ALLEANZA NAZIONALE n. 2: BAIOCCO Daniele, PAGLIOCHINI Raffaella.

LEGA NORD n. 2: PEPPUCCI Francesca, MARCONI Antonella fino la 21/05/2019 poi BOSCHI Enzo.

SOCIALISTI/LA SINISTRA PER TODI n. 1: BUCONI Massimo.

LIS. CIV./ TODI PER LA FAMIGLIA n. 1: PERUGINI Gianni.

Candidato Sindaco di 3 LIS. CIV./ PROG. TODI/MOV.CIV. TODI/ TODI CAMB. proclamato consigliere n. 1: PIZZICHINI Floriano.

Candidato Sindaco CASAPOUND ITALIA proclamato consigliere n. 1: NULLI Andrea.

Presidente del Consiglio comunale: PAGLIOCHINI Raffaella.

Todi, li 29 maggio 2022

Dott. Alfonso Gentili, già Segretario Generale del Comune di Todi (luglio 1989- luglio 2000)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*