Etab e Veralli Cortesi, Lega Nord, perplessi come Forza Italia

in tempi brevi un confronto ed una audizione dei presidenti degli enti

Etab e Veralli Cortesi, Lega Nord, perplessi come Forza Italia 

Etab e Veralli Cortesi, Lega Nord, perplessi come Forza Italia

da Toni Aiello,
commissario Lega Nord Todi
TODI – Etab e Veralli Cortesi, Lega Nord Todi non può che condividere e sottoscrivere le perplessità già espresse da Forza Italia. “E’sotto gli occhi di tutti – si legge nella nota – la difficoltà al dialogo di questi due importantissimi enti della nostra città. Obbligatoriamente premesso che non si intende esprimere un parere sulle capacità personali dei presidenti che ricoprono attualmente l’incarico, resta da capire quale indirizzo politico e quale è il futuro di queste due realtà.

Non si tratta di scelte di poco conto, ma di decisioni che cambieranno lo scenario politico amministrativo degli enti e della nostra città.

Non si tratta, neppure, di fare delle scelte per interessi personali, come superficialmente qualche esponente dell’opposizione vorrebbe lasciar intendere, ma si tratta di dar seguito a quel principio di democrazia moderna e di pieno rispetto della volontà popolare che fa sì che chi vince le elezioni governi ed amministri assumendosi tutte le responsabilità sulle scelte strategiche; mentre le forze sconfitte elettoralmente svolgano un costruttivo controllo sull’operato della maggioranza.

Questi che possono sembrare principi elementari di democrazia ancora stentano a decollare nella nostra città, essendo la minoranza impegnata più su questioni procedurali che su questioni sostanziali.

In questi termini di strategia politica e di visione moderna degli enti va vista la riflessione pubblica di Forza Italia che giustamente individua delle lacune e responsabilmente tenta di trovare delle soluzioni con e per la città. Le democrazie più moderne ci insegnano che quando entra in carica un nuovo governo è necessario che le classi dirigenti e i responsabili di enti o società collegate alla amministrazione,  si debbano rapportare con chi ha avuto il mandato di amministrare la città al fine di valutare se sussistono le condizioni per continuare la collaborazione oppure se sia più opportuno prendere atto della nuova maggioranza in comune e agire di conseguenza.

Su questi temi la Lega chiederà in tempi brevi un confronto ed una audizione dei presidenti degli enti nell’apposite commissioni al fine di trarne le conseguenze ed iniziare quel dibattito sul futuro degli stessi”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*